Referendum veneto

USCIRNE DA SOLI È MARCHIONNE, USCIRNE TUTTI INSIEME È POLITICA

Il referendum veneto
di Raniero La Valle
L’esempio del Veneto ha quasi il sapore di un ultimo avviso, ancora in tempo utile, però. Ce ne occupiamo anche perché si tratta dell’ex Veneto bianco, a cui la solidarietà e l’amore per il bene comune avrebbe dovuto rimanere nel sangue. Certo, commentare i risultare all’indomani di un referendum è “fare politica”: ma chi ha detto che “i poveri”, cioè “tutti”, non debbano fare politica? O che dicendosi “Chiesa” contraggano un’interdizione al pensiero politico, cioè debbano scegliere tra un’alienazione e una cittadinanza a pieno titolo?
Il Veneto è un ultimo avviso, perché la sera del referendum, vinto dalla tesi piuttosto elastica di una maggiore “autonomia”, la richiesta immediata (già messa in un progetto di legge regionale di un solo articolo) è stata: il Veneto lasci la condizione comune della povera Italia che arranca, si prenda i privilegi di una Regione a statuto speciale, e trattenga per le sue spese i nove decimi dei soldi destinati alla fiscalità nazionale.
Ciò è legittimo o è fuori legge? Allo stato delle cose è legittimo, perché le leggi non impediscono di perseguire il proprio solo interesse, contro quello di tutti gli altri. Non c’è una legge in un solo articolo, né regionale né nazionale, che dica: “l’egoismo è proibito”. La Costituzione sì, lo impedirebbe, e infatti la richiesta veneta si potrebbe attuare solo con una modifica costituzionale, ma non è proibito di provarci, e la Costituzione è oggi in gran parte (nella sua polpa, cioè) svuotata ed esposta a tutte le malversazioni grazie alle picconate e alle rottamazioni subite dal 1989 al 4 dicembre scorso.

22728804_1510244989061688_9066356740596921023_nPerò, qual è la ricetta? La ricetta è: prendi i soldi e scappa. Le cose peggiorano sempre più (il lavoro, i giovani!) e dell’Italia hanno fatto un deserto: ebbene, usciamone da soli, prendiamo i nostri soldi (fatti in Italia e presi dall’Italia) e ce li spendiamo e giochiamo sui tavoli che vogliamo noi. Vale a dire: ci delocalizziamo, nel senso preciso del termine, cioè ci tiriamo fuori dal luogo che abbiamo in comune, croce e delizia della nostra appartenenza ad una comunità stabilita in un territorio, e ce ne andiamo a fare fortuna mettendoci – quanto a portafogli e affari – fuori di esso; non è l’indipendenza, non è Catalogna, è andare dove ti porta il cuore (non quello delle canzoni, ma quello che sta subito sotto al portafoglio). E qui a dirci quello che stiamo facendo viene una lucida voce dal passato – da poco riscoperta – e ci dice: badate, uscirne da soli è Marchionne, uscirne tutti insieme è politica. Ma i soldi con cui per generazioni l’Italia povera (che voleva diventare, riuscendoci, una grande potenza industriale), ha finanziato la Fiat, Marchionne è andato a investirli fuori, il lavoro lo dà fuori, le tasse le paga fuori, i sindacati concilianti se li va a trovare fuori; l’Europa non lo trattiene e dell’Italia gli resta solo il blasone e la gloria, ma a lungo andare non riesce più nemmeno a vincere un gran premio di Formula Uno. E se andiamo dal piccolo al grande vediamo gli altri che vogliono uscirne da soli; ed ecco Trump che dice “l’America prima” e finisce per mettere in volo e in allerta i B52 carichi di atomiche, pronti a distruggere tutti gli altri, ma perciò anche se stessi.
Dunque la formula dell’uscirne da soli non è salutare. L’Italia ne aveva un’altra, l’aveva messa, ahimè, in Costituzione, ivi compresa la progressività delle imposte, cardine di una democrazia effettiva, ed era quella dell’uscirne tutti insieme. È venuto il momento di tornare a decidere tra l’una e l’altra formula.

22554885_1367798726663841_5340325891529118605_nIl merito, diciamo così, del Veneto è quello di aver messo precisamente questa alternativa costituzionale e politica al centro della prossima campagna elettorale. Perciò in ventiquattro ore tutte le previsioni che si potevano fare sui risultati delle prossime elezioni politiche sono saltate. La destra non può unirsi sulle posizioni di Zaia, che sarebbero localmente vincenti, ma di certo perdenti sul piano nazionale, quindi non è più scontato che, unita, vinca le elezioni; il partito democratico non ne può approfittare perché non incrocia questa problematica, è stato centralista e anti-regionalista nella recente proposta di riforma costituzionale, e col treno si dice di sì a tutti ma non si risolvono i problemi di nessuno; il pulviscolo delle sinistre non è competitivo, e il movimento 5 stelle soffre dei suoi insuccessi amministrativi, della scivolata contro le ONG sull’immigrazione e dell’essere stato prescelto da tutto il sistema mediatico come il nemico da battere.
Sarebbe questo il momento in cui se venisse fuori qualcuno che, non in nome della sinistra, ma in nome del Paese, facesse una grande proposta di ritorno alla Costituzione, di ritorno alla politica, di unità nazionale dal basso e di riforma dell’ordinamento classista dell’Unione Europea, potrebbe fare la differenza; qualcuno cioè che offrisse al “popolo” nella varietà delle sue istituzioni, delle sue articolazioni e dei suoi bisogni, il progetto e la prospettiva praticabile di uscirne, non ciascuno per sé, ma uscirne tutti insieme.
Raniero La Valle

Annunci

2 pensieri riguardo “Referendum veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: