acqua e servizi pubblici essenziali e il referendum del 2011 e la volontà popolare violata

 di Roberto CATRACCHIA

Le notizie si creano e non sempre nascono da sole” e lo scopo di questo testo è verificare se tra ragione politica e giuridica ci sono le condizioni per un intervento/mobilitazione efficace e cogente. ”D60 Water droplet on pool with ripplesDal famoso referendum sui beni comuni sono passati sei anni, un lungo periodo consumato dal  boicottaggio politico di governo, teso alla sistematica violazione dell’esito referendario. Per noi è arrivato il tempo di atti politici e giuridici contro tale manifesta “inerzia governativa ”, attraverso pressioni politiche e di legge dirette nei confronti dei cropped-cropped-d60-water-droplet-on-pool-with-ripples.jpgPresidenti della Regione Lazio in carica per il periodo citato (Polveri e Zingaretti). Inoltre, per noncuranza contro i Sindaci di tutte le provincie laziali, partendo da Alemanno, Marino, Raggi.

villa_cojimar-cayo-guillermo-3Costoro, di fatto, per manifesta  inoperosità non hanno attuato le norme di competenza assegnate alla loro potestà dalla legge, per il rispetto della volontà popolare espressa al referendum come da noi descritto.  Visto che, da anni i vari governi in carica tentano  la reintroduzione della normativa abrogata dal referendum del 2011: In netto contrasto con il divieto di ripristino della precedente legge cancellata dal voto referendario, come ribadito a suo tempo dalla corte costituzionale con diverse sentenze. Di fatto i mancati atti conformi alla volontà popolare da parte di governi, regioni e comuni non sono stati un incidente di percorso.

surf-girl-photos-hd-wallpaperLa mancata ripubblicizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici ha prodotto profitti e illeciti guadagni, in netto contrasto con l’esito referendario.

Gli amministratori pubblici in carica dal 2011 a oggi, hanno violato la costituzione, e la volontà popolare, impoverito la cosa pubblica, sottratto illegittimamente risorse economiche alle casse del pubblico erario, prodotto sfruttamento dei lavoratori del settore e negato ai cittadini qualità ed efficienza dei servizi forniti, anche attraverso meccanismi tariffari esosi e opachi e per nulla trasparenti. Vedi il caso del Lago di Bracciano

Proposta di Crono programma politico giuridico e di diritto della Lista Civica di Sinistra.  Un primo step può essere quello di un esposto alla procura della repubblica  e per conoscenza ai ministeri competenti: La funzione principale della procura della Repubblica è quella di assicurare che:

le leggi siano rispettate da tutti i cittadini; compreso quelle emanate per effetto di un referendum,  che vieta utili di impresa e privatizzazioni dei servizi pubblici locali essenziali di rilevanza economica.

Per garantire l’effetto abrogativo del referendum:  Noi dobbiamo insistere sulla nozione d’irrevocabilità  dell’effetto abrogativo del referendum.  Dobbiamo spingere  per fare emergere la manifesta Inerzia politico amministrativa da parte degli attori istituzionali precedentemente citati, per i mancati e palesi atti d’ufficio necessari al rispetto della volontà popolare.  Ricordiamo che da due anni aspettiamo l’attuazione della legge regionale del lazio votata dalla consiglio regionale e priva degli atti attuativi. Si approva un atto e si lascia la volontà conseguente al palo delle paludi amministrative. Di fatto si permette la Distrazione di denaro pubblico e un illegittimo guadagno privato a danno della collettività. Non è un caso emblematico di inoperosità la crisi idrica del lago di bracciano? non vi erano le condizioni oggettive per atti di urgenza? Fino all’immediata ripubliccizzazione del servizio? Un tipico caso di specie sulla privatizzazione dei profitti e la socializzazione delle perdite e della crisi idrico/ambientale. La lista nasce è fermenta se spiazza l’ordine politico costituito…se si riconnette con i bisogni popolari  se individua e agita e costringere da che parte DEVE stare  il mondo politico per una regione a misura dei lavoratori e dei cittadini senza potere. cropped-cropped-d60-water-droplet-on-pool-with-ripples.jpg

Annunci

Un pensiero riguardo “acqua e servizi pubblici essenziali e il referendum del 2011 e la volontà popolare violata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...